Raddoppia la tua precisione nella distribuzione

Fino a 300 kg/ha in più di frumento da una distribuzione omogenea sul tuo campo.

La resa del frumento dipende molto dalla qualità della concimazione azotata e dal modo in cui questa è stata operata. Nella maggior parte dei casi gli effetti di una distribuzione disomogenea non sono riconoscibili ad occhio nudo e rimangono nascosti. Deviazioni fino al 25% nella dose di concime distribuita da zona a zona non sono visibili, tuttavia le perdite di raccolto sono considerevoli. Quando evidenti differenze di colorazione della vegetazione sono riscontrabili, il coefficiente di variazione è già oltre il 30%. Le perdite di raccolto avvengono già molto prima che l‘errore di distribuzione possa essere percepito dall‘occhio, e si manifestano con raccolti più scarsi e di bassa qualità, oltre ad un maggiore e superfluo impatto ambientale. I moderni spandiconcime centrifughi consentono di lavorare su distanze da 24 a 36 metri. Per fare ciò esigono i più alti requisiti meccanici al concime. Maggiore è la larghezza della fascia di lavoro e più importante è la qualità del concime. L‘applicazione di concimi con granuli piccoli (prills) e da miscela spesso causa problemi, perché le diverse caratteristiche fisiche dei granuli rendono impossibile avere una distribuzione omogenea.

Come riconoscere un concime di alta qualità?

Gli spandiconcime centrifughi imprimono ai granuli di fertilizzante un‘accelerazione di 150 km/h in meno di un decimo di secondo. La forza che si esercita sui granuli crea agli stessi una forte sollecitazione meccanica. Un concime che non resiste a queste condizioni estreme incide negativamente sulla resa e sulla qualità della coltura. Le caratteristiche fisiche del concime influenzano significativamente l‘efficienza e la capacità di lavoro di tutti gli spandiconcime !! Granuli sferici, lisci, duri e pesanti: queste sono le caratteristiche vincenti di un concime per una distribuzione ottimale.

Forma e dimensione dei granuli.

Esistono sul mercato concimi granulari, prilled e compattati. Più i granuli sono rotondi e sferici e più lontano e più uniformemente vengono lanciati. La resistenza all‘effetto del vento viene misurata con il coefficiente Cd. Più basso è il coefficiente Cd e miglior sono le caratteristiche aerodinamiche del concime e maggiore la resistenza dei granuli all‘effetto del vento. Più duri sono granuli e minore è la possibilità che si frantumino tra i dischi dello spandiconcime. I granuli rotti producono polvere e peggiorano la granulometria del concime.

Densità

La densità apparente di un concime è normalmente espressa in kg per metro cubo (kg/m3). A parità di diametro, i granuli più densi sono lanciati più lontano di quelli più leggeri. La zona di copertura sarà maggiore: più alta la densità e migliore la distribuzione. Un agricoltore dovrebbe sempre conoscere la densità del concime che impiega, soprattutto usando miscele. Una miscela fatta da un concime azotato con densità di 800 kg/m3 con un concime PK pesante 1100 kg/m3 per esempio non può essere distribuita uniformemente con uno spandiconcime centrifugo.

Dimensione dei granuli

La dimensione dei granuli ha minor effetto sulla distribuzione rispetto al peso specifico o alla forma dei granuli. La granulometria di un concime dovrebbe variare entro un certo range, perché, pur con la stessa densità, i granuli più grossi volano più lontano di quelli più piccoli e questo permette una miglior copertura. La dimensione media dei granuli dovrebbe essere di 3,5 mm, con una variabilità di +/- 1 mm da questo valore: un buon concime ha il 90% dei granuli tra 2,2 e 5 mm di diametro.

Abrasione, polvere e impaccamento

Gli stress meccanici subiti durante le movimentazioni lungo la catena logistica e durante la distribuzione causano abrasione dei granuli. La resistenza di un fertilizzante di qualità dovrebbe assicurare che la frazione sotto 1,6 mm non superi il 5% del totale del peso. Alla fine la polvere peggiora la distribuzione, comporta maggior impatto ambientale e peggiora le condizioni di lavoro. La polvere fa sì che la scia dietro al trattore sia sovra-concimata e provoca la formazione di blocchi durante lo stoccaggio. Questi blocchi rendono difficile la distribuzione e rallentano il lavoro. Il trattamento superficiale del concime con anti-impaccante serve a sigillare i granuli, riduce la formazione di polvere, evita l‘assorbimento di umidità durante lo stoccaggio e previene l‘impaccamento. Metti alla prova la precisione della tua distribuzione. Perché è utile usare uno strumento mobile per controllare la distribuzione? I fertilizzanti in commercio vengono ripetutamente testati in sale di distribuzione controllata. I valori qui ottenuti sono riportati nei manuali di regolazione degli spandiconcime. I valori riportati nei manuali di regolazione degli spandiconcime sono stati ottenuti in condizioni ottimali. Condizioni meteorologiche e di conservazione sfavorevoli cambiano le caratteristiche distributive del concime, quindi si rendono necessari alcuni aggiustamenti ai valori indicati dalle case produttrici. Una buona uniformità di copertura mostra una curva di distribuzione il più possibile piatta, con larghe zone di sovrapposizione. Così si possono ottenere aree con più sovrapposizioni e si evitano errori di distribuzione. 

Leggi la brochure