Sto cercando un

concime

contentente

nutriente

per coltura

Ricerca
  • Magnesio (Mg)
    1224.312
    Mg
  • Forma ionica
  • Anione/Catione
    Mg2+
  • Foglie
  • Provenienza: mare
  • 8-10 mm intorno alle radici

Magnesio

(Mg)

Il magnesio è generalmente associato a problemi di qualità delle colture, presumibilmente a causa dell'interazione del con il potassio. Gli allevatori sono consapevoli dei rischi di tetania o di suscettibilità alle infezione quando esso è carente. Il magnesio svolge inoltre un ruolo importante nella nutrizione vegetale. Per le piante, il fulcro della sua attività principale è nella clorofilla contenuta nei cloroplasti, dove avviene la fotosintesi. Questo elemento pertanto partecipa direttamente a questo processo peculiare a del regno vegetale: la capacità di catturare il carbonio dall'aria e di trasformarlo in una forma organica per produrre biomassa.
Mg
Pianta
Pianta
Terreno
Terreno
Colture
Colture
Origine
Origine
Punti chiave
Punti chiave
IMPORTANZA PER LA VITA DELLA PIANTA
Il magnesio è coinvolto in molte funzioni metaboliche (formazioni di carboidrati e proteine) e nei meccanismi di trasporto nella pianta. La sua azione più decisiva è a livello della clorofilla nelle foglie, in connessione con la fotosintesi. Se il magnesio è carente, oltre ad un calo della resa, nelle colture annuali può manifestarsi la clorosi così come nell’arboricoltura e nella viticoltura. Una carenza nelle colture foraggere turba la nutrizione animale.
MECCANISMI DI ASSORBIMENTO
La diffusione del magnesio attraverso la soluzione circolante è relativamente limitata. Il magnesio ha un ruolo minore nel complesso argillo-umico, quando è già saturo di calcio o potassio. Lo stesso vale per l'assorbimento radicale, che richiede più energia dalla pianta con un trasporto ascendente più attivo che passivo.
INTERAZIONI, SPECIFICITÀ
E' il rapporto K2O/MgO che determina assorbimenti sbilanciati. Il suo valore deve essere intorno a 2. Se è maggiore di 3, si consiglia di adottare delle azioni correttive. (NB: se espresso come K/Mg, allora l'optimum è tra 0,8 e 1,2)
Il magnesio presente nei terreni può avere varie origini: magmatica, marina sedimentaria ed organica. La sua solubilizzazione determina anche parte delle perdite annuali attraverso la lisciviazione. (In grandi quantità, può avere un valore ammendante e può correggere il pH ad un rapporto di 1,6 x CaO)
DIAGRAMMA DEL CICLO

1. Il riciclo di sostanze nutritive contenute nella sostanza organica di qualunque tipo: effluenti zootecnici, residui colturali e altri sottoprodotti organici derivanti da attività umane, è un'importante risorsa per la concimazione.

2. Il magnesio è presente in forma di carbonato di magnesio nella dolomite, una pietra calcarea dura estratta dalle cave. Viene anche estratto sotto forma di ossido, idrossido o solfato di magnesio (o kieserite) da miniere sotterranee.

3. Il magnesio Mg 2+ si evolve nel terreno tra forme fisse, adsorbite e solubili.

4. La lisciviazione del magnesio solubile (trascinamento verso il fondo da eccesso di acqua nel terreno) è un fenomeno che deve essere preso in considerazione quando si stabilisce un piano di concimazione.

5. Il dilavamento del magnesio dal terreno avviene anche a causa del deflusso (terreno in pendenza) e dell'erosione (magnesio legato a particelle solide).

6. Le radici possono assorbire esclusivamente il Mg2+ disciolto nella soluzione circolante.

7. La coltura viene convertita in cibo (umano o animale), che è l'obiettivo fondamentale dell'agricoltura.

INDICATORE
Le analisi del terreno misurano il magnesio scambiabile con metodi di estrazione abbastanza simili in tutti i laboratori. L'interpretazione viene effettuata valutando il magnesio analizzato rispetto ad un optimum che sarebbe, in forma ionica, il 6% della CEC (capacità di scambio cationico). Risulta pertanto necessario conoscere la CEC per stimare correttamente la fornitura di magnesio del terreno.

Tabella della sensibilità

grado di sensibilità:
  • Molto

  • Corretto

  • Moderatamente

Mg
Barbabietola da zucchero
Grano duro
Grano
Carota
Cereals (excepted wheat)
Chicory, endive
Cavolo
Oil Seed Rape
Squash, courgette
Fibre flax
Erba medica
Corn (silage)
Corn (grain)
Melone
Olives
Leek
Canned peas
Protein peas
Patate
Grassland
Salad
Soia
Tobacco
Pomodoro
Girasole

Tabella della sensibilità & Sintomi

Le carenze di magnesio riguardano primariamente le foglie vecchie, causando macchie clorotiche tra le nervature. Se la carenza è prolungata, le estremità delle foglie diventano necrotiche e si seccano. In generale, il contenuto di clorofilla e il numero dei cloroplasti diminuiscono.

Eccesso & Fabbisogni

Un eccesso di magnesio può far seguito a pregresse concimazioni sbilanciate tra magnesio e potassio. Se nelle analisi del terreno il rapporto K2O/MgO è inferiore ad 1, è consigliabile spostare la concimazione verso il potassio.

Il magnesio è molto presente al di sotto della crosta terrestre (il mantello). La peridotite, considerata la roccia più abbondante nel sistema solare, contiene più del 40% di silicati e più del 40% di magnesio. È inoltre contenuto nei terreni marini sedimentari (in forma di carbonato, come dolomite, o in forma di solfato, come kieserite). Una di queste sorgenti di magnesio viene impiegata nei concimi a base di magnesio.
CONTENUTO DEL TERRENO
Un contenuto accettabile nel terreno dovrebbe essere tra 120 e 200 ppm di MgO. Al di sotto di 120 ppm, significherebbe che il terreno ne è povero e al di sotto di 80 ppm estremamente povero.
ANTAGONISMO
Un rapporto K2O/MgO più elevato di 2 indica una minore disponibilità di magnesio. Se il rapporto è superiore a 3 vi è un rischio concreto di blocco.
TESSITURA
I terreni sabbiosi fanno aumentare il rischio di lisciviazione.
CLIMA
Dopo l'inverno, la disponibilità di magnesio può risultare limitata.
pH
Esiste un rischio di carenza di magnesio dovuta alla saturazione del complesso argillo-umico quando il pH è superiore a 7,5. Anche un pH al di sotto di 5,5 fa diminuire la disponibilità di Mg.