Sto cercando un

concime

contentente

nutriente

per coltura

Ricerca
  • Phosphorus (P)
    1530.9738
    P
  • Forma ionica
  • Anione/Catione
    PO43-
  • Radice
  • Provenienza: mare
  • 4-6 mm intorno alle radici

Phosphorus

(P)

Il fosforo è un elemento indispensabile per la vita. Noi ne consumiamo 2 grammi ogni giorno. I terreni contengono quantità variabili di fosforo a seconda della loro origine geologica. Per una gestione responsabile delle risorse del pianeta, è ragionevole trasferire parte del fosforo concentrato nelle rocce sedimentarie ai terreni che ne hanno bisogno. Rendendolo più solubile e più efficace come concime, può esserne evitato lo spreco. La concimazione fosfatica è relativamente complessa da gestire: l'elemento non è molto mobile nella soluzione circolante e la sua bio-disponibilità è difficile da comprendere. Esso è un nutriente importante che determina la crescita nelle prime fasi di sviluppo, tanto più indispensabile dal momento che solo un corretto sviluppo radicale permette alla pianta di nutrirsi per tutto il suo ciclo.
P
Pianta
Pianta
Terreno
Terreno
Colture
Colture
Origine
Origine
Punti chiave
Punti chiave
IMPORTANZA PER LA VITA DELLA PIANTA
Il fosforo è necessario per tutto il ciclo della pianta, per la respirazione, la fotosintesi e la moltiplicazione cellulare. È particolarmente importante negli stadi precoci per la crescita dell'apparato radicale e per il vigore delle giovani plantule. Se vi fosse una carenza durante tale stadio precoce, lo sviluppo radicale si atrofizzerebbe, rendendo la pianta meno resistente allo stress, in particolare allo stress idrico, e comporterebbe inoltre una maturazione ritardata.
MECCANISMI DI ASSORBIMENTO
Il fosforo non è mobile nel terreno: si diffonde solo leggermente nella soluzione circolante. Le radici devono svilupparsi e andare in cerca del fosforo, spendendo energia per assorbirlo, spesso con l'aiuto dell'attività microbica nella rizosfera, in particolare di micorrize in molte specie. 
INTERAZIONI, SPECIFICITÀ
Poiché le quantità di fosforo solubile sono basse nella soluzione circolante (0,2 mg P/I), le applicazioni devono essere in una forma disponibile per la pianta così da integrare la fornitura del terreno.
Il fosforo nel terreno è distribuito in compartimenti differenti dove viene fissato e rilasciato, più o meno facilmente, nella soluzione circolante, da dove può essere assunto direttamente. Nei terreni acidi, esso viene fissato fortemente da ferro, manganese ed alluminio. Nei terreni calcarei, viene fissato dal calcio. Esso viene rilasciato con regolarità, ma in piccole quantità, tramite la mineralizzazione dell'humus, e ancor meglio dalla sostanza organica fresca. La reiterata omissione della concimazione fosfatica o una concimazione insufficiente a compensare il potere di fissazione del terreno e le asportazioni da parte della coltura, esauriscono le riserve e compromettono la fertilità del terreno.
DIAGRAMMA DEL CICLO

1. Il riciclo di sostanze nutritive contenute nella sostanza organica di qualunque tipo, inclusi effluenti zootecnici, residui colturali e altri sottoprodotti organici derivanti da attività umane, è un'importante risorsa per la concimazione.

2. Il fosforo viene estratto da miniere a cielo aperto e viene generalmente lavorato utilizzando acidi minerali per produrre forme più solubili che possono essere assimilate dalle piante.

3 La mineralizzazione della sostanza organica (e degli effluenti) nel terreno produce fosforo minerale solubile.

4. Il fosforo cambia continuamente tra forme fisse, adsorbite e solubili.

5. La lisciviazione del fosforo solubile (trasferimento, da parte dell'acqua, verso strati più profondi del terreno) è un fenomeno estremamente limitato

6. Non molto fosforo viene portato via, al di fuori del campo; ciò può succedere a causa del deflusso (suolo in pendenza) e dell'erosione (fosforo legato a particelle solide).

7. Le radici della pianta assorbono il fosforo solo dalla soluzione circolante.

8. Il raccolto viene convertito in cibo (umano o animale), che è l'obiettivo principale dell'agricoltura.

INDICATORE:
Esistono molti metodi per analizzare il fosforo, il che dimostra la complessità della sua interpretazione. Il metodo di estrazione Olsen è oggi il più utilizzato, perché arriva vicino alla reale disponibilità di fosforo per la pianta.

Tabella della sensibilità

grado di sensibilità:
  • Molto

  • Corretto

  • Moderatamente

P
Barbabietola da zucchero
Grano duro
Grano
Carota
Cereals (excepted wheat)
Chicory, endive
Cavolo
Oil Seed Rape
Squash, courgette
Fibre flax
Erba medica
Corn (silage)
Corn (grain)
Melone
Olives
Leek
Canned peas
Protein peas
Patate
Grassland
Salad
Soia
Tobacco
Pomodoro
Girasole

Tabella della sensibilità & Sintomi

Le piante in carenza di fosforo mostrano una colorazione viola e rosata sulle giovani foglie e sulle guaine.

Eccesso & Fabbisogni

Nel terreno, può bloccare la disponibilità dello zinco. Può portare ad eutrofizzazione a causa del deflusso nei corsi d'acqua.

Una piccola parte del fosforo deriva dal magma, ma la maggior parte dei depositi sono di origine sedimentaria, attraverso la precipitazione di microrganismi marini in mari poco profondi. Per un lungo periodo, il metodo di estrazione del ferro ha fornito scorie fosfatiche che venivano utilizzate in agricoltura.
CONTENUTO DEL TERRENO
Fornire indicazioni circa il contenuto ottimale non è semplice, in considerazione della varietà dei metodi analitici utilizzati. Ciononostante la misurazione del fosforo attraverso l'analisi del terreno continua ad essere il modo migliore per valutare la disponibilità potenziale del fosforo. È necessario fare riferimento alle interpretazioni nazionali.
CONTENUTO DI SOSTANZA ORGANICA
Con quasi il 50% del fosforo in forma organica, la mineralizzazione della sostanza organica permette un migliore flusso di fosforo nella soluzione circolante. La sostanza organica può sostituire il fosforo nei siti di fissaggio, sul calcio, per esempio, rendendo il fosforo più disponibile.
TESSITURA
Nei terreni argillosi, gli strati di argilla con una carica positiva tendono a bloccare gli ioni fosforo. Nei terreni sabbiosi o filtranti, il fosforo viene diffuso più facilmente.
CLIMA
I periodi secchi, per esempio, portano all'ossidazione degli ioni di ferro, aumentando la capacità del ferro di bloccare il fosforo. La temperatura ha una influenza diretta sull'attività biologica nel terreno, facendo diminuire la disponibilità del fosforo. Quindi applicazioni a fine inverno, alla ripresa vegetativa, sono raccomandabili.
pH
Nei terreni acidi, la disponibilità di ioni alluminio (Al3+) e di ioni ferro (Fe3+) porta a fenomeni di antagonismo con il fosforo, il quale viene quindi bloccato. Nei terreni alcalini, il calcio (Ca2+) fa precipitare il fosforo sotto forma di roccia di apatite. Il fosforo è maggiormente disponibile quando il pH dell'acqua è 6-7.
COEFFICIENTE EFFETTIVO DI ASSIMILAZIONE DEL FOSFORO
Il fosforo è caratterizzato da un basso coefficiente effettivo di sfruttamento. La frazione della quantità fornita attraverso il concime che può essere assorbita dalla pianta è piuttosto bassa. Solo il 20% in un terreno limoso con pH 6,5, e ancor meno in un terreno calcareo con pH 8, viene utilizzato dalla coltura nell'anno di applicazione. Le applicazioni che vengono attentamente regolate in base ai fabbisogni della coltura sono la chiave per una nutrizione fosfatica efficace ed efficiente.