Sto cercando un

concime

contentente

nutriente

per coltura

Ricerca
  • Tessitura del terreno
    Terreni medio-pesanti, nessun ristagno idrico
  • Tempreatura min.
    Crescita a partire da temperatura del terreno di 8°C
  • pH
    Tollera terreni da debolmente acidi a debolmente alcalini; pH ottimale: 7,0
  • Precipitazioni
    min. 250 l/m2
  • Vernalizzazione
    -
  • Densità di coltura
    A seconda della data e della varietà 6-7 semi/m²
  • Profondità di semina
    2-3 cm
Girasoli
I girasoli prediligono terreni a medio impasto argillosi con adeguato rifornimento di nutrienti e capacità di immagazzinare acqua. Essi affrontano bene terreni limoso-sabbiosi e terreni più leggeri loess e ghiaiosi– qui, sufficienti precipitazioni sono importanti. La sua radice a fittoni può penetrare per diversi metri in profondità nel terreno e sfruttare nutrienti e scorte idriche che si trovano a quel livello. Tuttavia, dopo i girasoli, queste scorte spesso sono svuotate. I girasoli prediligono zone climatiche adatte al mais e alle viti ed esigono quelle somme termiche e condizioni metereologiche per poter maturare in autunno. Per varietà a maturazione precoce, si stanno ora sviluppando molte aree agricole tradizionali arabili, lontane dalle regioni vinicole. Uno dei fattori importanti per questo è il fatto che il clima dovrebbe essere quanto possibile privo di nebbie in autunno. La maturità del mais con numeri di maturità intorno a FAO 250-270 servire quale guida.
Fatti importanti
  • Concimazione con azoto in una sola dose
  • assicurare sufficiente apporto di fosforo
  • 30 kg zolfo/ha (75 kg SO3/ha)
  • Si noti la sensibilità al cloro
  • adeguata disponibilità di boro nella fase di plantula.
Informazioni generali
Informazioni generali
Esigenze nutritive
Esigenze nutritive
Fertilizzazione
Fertilizzazione
-
I girasoli in agricoltura sono coltivati quali varietà striate per il becchime e per il ricavo delle granelle e le varietà a granella nera sono utilizzate per estrarre olio. La coltivazione ha luogo come semina a singolo seme con distanza di 70 cm fra le file. I 6-7 semi/m² formano un portainnesto completo. Nel frattempo, si utilizzano quasi esclusivamente gli ibridi. Per i girasoli, l’attenzione si focalizza sull’emergenza, sul maltaggio e sulla raccolta, per il resto la coltura è di semplice conduzione e poco esigente. Ad eccezione della concimazione dei semi e degli erbicidi, si attuano scarse misure di protezione delle piante. In rispettive situazioni infettive, l’insorgenza di infezioni fungine è contrastata con l’impiego di fungicidi. Quasi sempre si distribuiscono pellet lumachicidi al bisogno. Mangimi per lepri nello sviluppo giovanile ritardato e il becchime sulla calatide quasi matura sono fattori notevolmente dannosi.
Girasoli esigenze nutritive
I girasoli, come tutte le colture oleaginose, esigono una rispettiva buona fertilizzazione di fosforo oltre all’apporto di azoto. Inoltre, è necessario non trascurare il potassio e lo zolfo. Il fosforo non soltanto è importante per la crescita, ma esso viene altresì incorporato nelle granelle e gioca un ruolo importante nel metabolismo energetico e nella produzione dell’olio. Il girasole esige potassio per l’apporto idrico e l’assimilazione nella granella. La maggior parte, tuttavia, permane nella paglia e quindi resta a disposizione per la successiva coltura nel campo. Qualora si concimi con potassio soltanto a livello di sottrazione e precedentemente in autunno, è possibile utilizzare fertilizzante contenente cloruro. Per quantità di fertilizzazione al di sopra del livello di sottrazione e con dosi conferite in primavera, si preferiscono decisamente fertilizzanti con acido solforico, potassio, dal momento che alti contenuti di cloruro agiscono negativamente sul contenuto successivo di olio nei semi. La fertilizzazione con formule NPK basate su solfato di potassio assicura allo stesso tempo il fabbisogno di zolfo di 30-40 kg S/ha (75-100 kg SO3). I girasoli esigono boro a sufficienza entro lo stadio di sviluppo giovanile. In aggiunta ai fertilizzanti composti contenenti boro, si possono anche utilizzare fertilizzanti fogliari contenenti boro.
Tassi di sottrazione per i girasoli

Elemento

Assorbimento

Unità/ton di produzione

Asportazioni

Unità/ton di produzione

sensibilità alla carenza

Azoto

45

24

Molto sensibile

P2O5

16

12

Sensibile

K2O

16

10.5

Molto sensibile

TE

Boro: Fertilizzazione del terreno 1,2 kg/ha Boro: Fertilizzazione fogliare 300-500 g/ha

La tabella illustra assorbimento e sottrazione per tonnellata di resa in granella di girasole. I girasoli esigono soprattutto azoto, fosforo e potassio. Tuttavia, zolfo, magnesio e boro devono anch’essi essere presenti in quantità adeguate. Esempio:Una resa in granella di girasole di 3 to/ha assorbe fino a 135 kg N/ha. Se una certa quantità di successivo rifornimento di N viene assorbita dal terreno (ad esempio, 70 kg N/ha), sarà necessario apportare ulteriori 65 kg N/ha mediante fertilizzante. Con la raccolta, 72 kg N/ha verrebbero rimossi dal campo.
Fertilizzazione dei girasoli I girasoli hanno bisogno di concentrare i nutrienti fino a formazione del germoglio. Successivamente, la maggior parte dei nutrienti va soltanto incontro a ridislocazione all’interno della pianta o viene utilizzata per l’assorbimento dell’acqua (potassio). Fertilizzazione completa prima della coltivazione dei girasoli. Il carico di azoto nella fertilizzazione dei girasoli viene di norma applicato prima della coltivazione. Il grande fabbisogno di nutrienti si colloca nella prima fase di crescita; pertanto, il frazionamento del dosaggio non è rilevante. Fertilizzanti a base di fosforo e potassio vengono applicati anche direttamente in sede di coltivazione con fertilizzanti NPK contenenti zolfo o entro l’autunno o l’inizio della primavera. La calcitazione come preparazione del terreno dovrebbe essere fatta al meglio in autunno o all’inizio della primavera. Non andrebbe superato un quantitativo di 1.500 kg CaO/ha - meglio se sotto forma di carbonato di calcio per non abbassare la disponibilità di boro. Parametri di resa del girasole: numero di piante/m² numero di granelle nella calatide peso di mille granelle Il costituirsi della resa deriva da una distribuzione ottimale di approssimativamente 6-7 piante per m² e da un fusto e una massa fogliare di conseguenza robusti, solidi e sani. Per questo, l’apporto di azoto con 50-65 kg N/ha è di norma sufficiente anche per l’immagazzinamento nel portainnesto e per prevenire la suscettibilità alle malattie fungine. L’apparato radicale rigoglioso può esibire un assorbimento spiccato dei nutrienti, specialmente in terreni ricchi di humus.

Un’applicazione in primavera

Un’applicazione in primavera

Singola dose di tutti i nutrienti del fabbisogno Il girasole esige i nutrienti concentrati all’inizio della crescita. Pertanto, la fertilizzazione pre-seme è ottimale. La quantità totale dei nutrienti può essere conferita in una sola dose. La fertilizzazione con azoto è modesta rispetto al tasso di sottrazione per evitare gli effetti sopra descritti. Particolarmente adatti sono fertilizzanti con acido solforico azoto, azoto fosforo o NPK o fertilizzanti con potassio a basso contenuto di cloruro. Pertanto per il girasole, quale pianta oleaginosa, l’apporto di boro merita una particolare attenzione.